Varato a La Trinité-sur-Mer il Class40 IBSA di Alberto Bona

Home / News / Varato a La Trinité-sur-Mer il Class40 IBSA di Alberto Bona

Varato a La Trinité-sur-Mer il Class40 IBSA di Alberto Bona

Dopo cinque mesi dal lancio del progetto Sailing into the Future. Together, il Class40 IBSA è stato varato a La Trinité-Sur-Mer ed è pronto all’ultima fase di allenamenti in vista della Route du Rhum del prossimo 6 novembre.

Ieri pomeriggio il Class40 IBSA ha infatti percorso a bordo di un camion il breve tragitto tra il cantiere e la marina che lo ospiterà – che si trova di fronte a “Casa IBSA”, il quartier generale delle operazioni – per poi essere messo in acqua per il varo tecnico.

Disegnato da Sam Manuard, uno dei grandi architetti navali francesi quando si parla di classi oceaniche, il Class40 IBSA è stato realizzato dal cantiere JPS Production. È un modello Mach 5, l’ultima evoluzione dei Class40 di Manuard e sarà una delle imbarcazioni più innovative e recenti alla partenza della Route du Rhum. Caratterizzata da una prua arrotondata – scow – realizzata per aumentare le prestazioni nelle andature portanti, la barca del progetto IBSA Sailing into The Future. Together promette elevata performance anche grazie al disegno delle linee d’acqua e delle appendici, progettate per rendere lo scafo un all round veloce anche di bolina. Infine, un altro elemento distintivo è il design del pozzetto, ampio e protetto, per affrontare la navigazione in solitaria in posizioni il più possibile comode e sicure.

Questa barca riflette perfettamente il nostro approccio al programma – sintetizza Alberto Bonae rappresenta il frutto della ricerca del dettaglio, del miglioramento in ogni singolo aspetto. Cercavamo uno scafo veloce, ai limiti della box rule, affidabile in tutte le condizioni meteo e sufficientemente innovativo da saper incidere e fare la differenza”.

Fare la differenza è anche l’obiettivo della partnership triennale tra IBSA e Alberto Bona.

“Ingegno, coraggio, innovazione, responsabilità sono elementi che accomunano il mondo farmaceutico e quello della nautica” spiega Alberto Bona. “Pertanto, stiamo affrontando insieme questa sfida che è chiaramente sportiva, ma che ha anche l’obiettivo di far conoscere IBSA e i suoi valori: attenzione alla salute, sostenibilità e resilienza, mai come in questo momento storico capisaldi fondamentali per la tutela delle persone e del pianeta. In questo tipo di sfide – continua Bonaemerge il navigatore solitario, ma come nell’industria, il comandante esiste in funzione del suo team. Con IBSA abbiamo costruito prima di tutto una squadra, con cui abbiamo pianificato le attività e gli obiettivi”.

È proprio il team d’eccellenza, infatti, a essere fondamentale. Oltre che dal Gruppo IBSA e dal costruttore Manuard Alberto è stato affiancato dal navigatore francese Sidney Gavignet in veste di coach, da Andrea Madaffari come preparatore fisico, da Remi Aubrum con la sua veleria All Purpose e infine dal velista bretone Pierre-Edouard Regaud come Boat Captain.

In questi mesi abbiamo lavorato tutti con la stessa filosofia: impegno, costanza e dedizione nell’affrontare e superare gli ostacoli giorno dopo giorno e raggiungere i traguardi prefissati. Ci stiamo concentrando sulla gestione della fatica, sulla ricerca delle migliori soluzioni in tutti gli aspetti del progetto. È stato un enorme lavoro di squadra tra noi e IBSA, che ci ha portato al varo tecnico di ieri” – racconta Bona.

A partire da ora, Alberto Bona avrà un mese di tempo per la messa a punto dell’imbarcazione e per qualificarsi alla Route du Rhum, in partenza da Saint-Malo dove Alberto trasferirà anche la propria base operativa. Prossimo appuntamento il 9 settembre, a La Trinité-sur-Mer, dove si svolgerà il battesimo del mare, la cerimonia che farà ufficialmente entrare il Class40 nel mondo IBSA.

Ultime news